venerdì 9 aprile 2010

E meno male ci sono.....

Oasi della natura, parchi, zone protette locali, belle, ma intorno cosa rimane nel grande territorio agricolo?. Oggi ho visitato una collina, ulivi e terreno giallo dopo il trattamento con i diserbanti, in un calanco una lavatrice faceva bella mostra di sè. Ma dove sono i papaveri che infestavano i campi di grano? i grilli dove sono i tanti insetti che vedevamo nelle nostre campagne?
Erbe e insetti sono divorati dagli insetticidi e dai diserbanti. Ma al contadino costretto a - modernizzarsi- cosa le è venuto? Prezzi che crollano, salute messa in pericolo, sempre più in difficoltà. Questo è modernizzarsi? Si costruisce case per vacanze e tutto fa volume, la concimaia murata, le capanne,la stalle. Dove abitava una famiglia contadina diventa un villaggio turistico, evviva!!! Si stava meglio prima? No! si sbagliava prima e si sbaglia adesso. Finche si cercherà in campagna solo il reddito e non si penserà al contadino come sentinella necessaria per l'ambiente dandogli la possibilità di vivere degnamente........

1 commento:

patrizio ha detto...

Ottima riflessione, caro Maresco. Sono pienamente d' accordo con te. Ormai la stupidità umana, l' ingordigia nel volere fare sempre più soldi, porta tanti proprietari terrieri senza scrupoli a compiere scempi quotidiani, infestando le nostre campagne con diserbanti, insetticidi ecc. ecc.; senza considerare il fatto che innescano una minaccia alla nostra salute, all' inquinamento e alla contaminazione delle falde acquifere, dell' aria, dei terreni agricoli destinati alle colture, mettendo in circolo tutti quei veleni e sostanze nocive alla salute che poi finiranno nella nostra catena alimentare.
Ormai la follia umana è arrivata fino a questo punto di non ritorno, dove il profitto, il dio denaro, impera sul buonsenso, di cui ormai si è persa ogni traccia residua, portando l' uomo ad essere sempre più avido di denaro, obnubilando la sua mente dalla ragione, soffocando la sua coscienza, per accumulare sempre più ricchezza, senza rendersi conto che insieme alla distruzione della Natura, l' uomo finirà per distruggere questa grande palla che gira da milioni di anni nell ' Universo, per arrivare a distruggere anche la specie umana, che di per se non sarebbe disdicevole visto che tanti individui dei cosiddetti esseri umani, si è ormai bruciato il cervello con le droghe, con le sostanze stupefacenti, con la sete di accumulo di denaro e di conseguenza si è volontariamente rovinato l' intelletto.
Ti saluto con amicizia