martedì 8 gennaio 2013

Storie di patate

Vado al consorzio ad acquistare il seme delle patate, io ho un piccolo appezzamento di terreno esposto - a sole- cioè protetto dal freddo, è lì che semino o inpianto primizie per mè e per i figli,il gestore mi dice: si il seme è arrivato in confezioni da 25 kg. Sfuse, neanche a parlare lo vieta la legge.  fra giorni mi arriveranno le confezioni da 10 kg.
Ditemi voi: ma se uno ha un orto piccolo e vuole seminare un poco di patate non può, di cosa se ne fà di tanto seme, che fra l'altro arriva dall'estero e costa una cifra.
Fino a pochi anni fà andavi al consorzio e comperavi il seme in base al terreno che volevi coltivare: ne comperavi quel tanto che bastava per la semina, ora ci vuole la confezione minimo di 10 kg, ma chi le fà certe disposizioni?  a quale scopo?

3 commenti:

Sara ha detto...

Lo scopo è chiaramente quello di distruggere le coltivazioni domestiche.

Il poeta sulle 23 ha detto...

Maresco, in un mondo globalizzato, l'agricoltura è in mano a grosse multinazionali, cosa vuoi che importi a loro del tuo orticello.....anzi, faranno il possibile per toglie per imperdirti di fare qualcosa....

Il poeta sulle 23 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.