sabato 2 marzo 2013

MENTRE ATTENDO L'ALBA

Come ogni mattina esaurito il sonno sono alzato perchè non sò stare a letto sveglio. Dormo abbastanza perchè alle 21 tocco il letto e mi addormento. Uscire non mi và, poi ho preso questa abitudine da moltissimi anni  da quando: visto che ancora è buio ve lo racconto:
- negli anni 70, anni di lotte, ero operaio calzaturiere,facemmo lotte per il contratto, per la difesa della salute, tutte le sere riunioni  dibattiti, conferenze in stanzette delle case del popolo, dalla camera del lavoro dove il fumo passivo toglieva il respiro,poi fui eletto in consiglio comunale e lì consigli fiume a volte fino all'alba.  Un pomeriggio mentre parlavo ad una assemblea mi cedette all'improvviso la voce, dovetti scendere dal palco e rimanere in silenzio, la voce mi ritornò poco dopo ma fioca, e nei giorni successivi il fenomeno si ripetè, andai dal medico e mi consigliò una visita specialistica. Sentenza: un polipo alle corde vocali. Mi operai, una operazione ambulatoriale e dopo 3 giorni di silenzio tutto tornò normale. Ma ogni volta che andavo in un ambiente fumoso mi veniva la febbre, non febbre alta ma con tosse alla gola tremenda. Ero in consiglio comunale e di impegni ce ne erano, ma ogni volta che frequentavo ambienti fumosi mi ammalavo.
Dissi basta: niente bar, niente frequentazioni al chiuso e tutto è andato bene. Ho fatto sport, ho fatto trekkking,ho lavorato da artigiano quanto un nero, tutto bene, ma isolandomi la sera sono sempre andato a letto presto e questa abitudine l'ho conservata anche quando è uscita finalmente la legge Sirchia.......
Vedo che fuori è gia giorno, devo accendere il fuoco alla stufetta, ormai è un rito, poi essendo Domenica arriverà mia nipote e avrò da fare............

1 commento:

luís rodrigues coelho Coelho ha detto...

Bom dia Amigo
Desejo que estejas bem e que esse problema de fala tenha desaparecido.

O pior é que as pessoas continuam poluindo o ar com o tabaco e a prejudicarem a todos nós.
Vivi na aldeia e fumei durante 20 anos aproximadamente.
Hoje tenho de pedir desculpa a todos quantos prejudiquei com o fumo e sobretudo dou graças a Deus pelo milagre de me dar força para deixar o tabaco. Não fumo desde 2002 e tenho horror ao cheiro, mas a vontade de saborear um cigarro está ainda viva no meu consciente.
Um abraço e um bom domingo