mercoledì 7 novembre 2012

LA TERRA, CHE PASSIONE?

Uno và in pensione, da nevrotico lavoratore senza tempo si ritrova con tanto tempo da spendere e se ha un terreno mezzo incolto che fà?. Lo lavora e trova anche piacere ritornando alle origini.
Così ho fatto io: ho impiantato olivi e li ho assistiti come si deve, ora anno dopo anno sono cresciuti, e quest'anno mi hanno ricompensato, più di 10 quintali di olive, cogli. cogli, non finivo mai, soddisfazione ma il problema è che loro vanno avanti, cioè crescono, io, non importa che lo dica....... Quasi ottanta piante, belle giovani, sarà un grosso problema quando dovrò abbandonarle...... per ora  me li godo, anche se fatico. poi si vedrà............. 

2 commenti:

Luís Coelho ha detto...

Parabéns amigo pela iniciativa e pela colheita. Penso que todos nos com mais de cinquenta anos de idade ainda somos ligados à terra e gostamos de a ver cuidada.

Também me dedico de alma e coração às minhas laranjeiras e oliveiras. Agora é tempo de as limpar podar.

viola ha detto...

E bravo Maresco. Goditi la tua terra, i tuoi ulivi, se ti danno soddisfazione.
Danno anche lavoro, ma prendila con calma, senza stancarti troppo. Oppure nel momento del raccolto, quando c'è più lavoro, invita qualche amico!!!