venerdì 2 ottobre 2009

Le crete Senesi

Andiamo? si ma in treno. A Buonconvento? Ero scettico sul funzionamento delle ferrovie specie una linea secondaria. Al ritorno a casa mi sono ricreduto, treni in orario,comodi,puliti, il personale gentile, ma diciamolo quando i trasporti pubblici funzionano!.Io l'ho detto.
Che bellezza arrivare a Buonconvento rilassati, senza il sole in faccia al mattino andando in auto verso Siena come ho fatto molte volte.
Dalla stazione di Buonconvento poche decine di metri, poi imbocchiamo la provinciale verso San Giovanni D'Asso e subito salita e dura breve discesa poi ricomincia la salita, questa è ancora più dura, il cartello segnala 15\ 100. Quando la salita si addolcisce finisce l'asfalto, e dopo un bosco comincia il grande mondo delle crete, piagge immense, molte già arate pronte per la semina. E camminiamo sempre salendo, quardo la segnaletica del km e vediamo che la media è bassa, e ci credo dopo tutto questo salire! dice Chiara. Eccoci finalmente in cima, un grande recinto di cavalli, saranno stati una ventina precede un grande e bel agriturismo. la strada spiana, poi sale ancora dolcemente, il paesaggio è immenso e bello, sul colle spoglio davanti a noi c'è un grande leccio, Camminiamo ora nel comune di San Giovanni d'Asso. Da quì comincia una lunga discesa, un immenso gregge pascola nella collina davanti a noi. Dopo due tornanti troviamo il cartello che informa che questa strada bianca sperduta fra piagge e calanchi e quella dove si svolge - l'eroica- la corsa ciclistica famosa. Scendiamo ma davanti a noi c'è una collina molto alta. Ritorneremo? dico scherzando, troviamo al fresco di un pino un guardiacaccia, è il nostro, ci informa che SAN Giovanni è a soli tre km. Arriviamo in cima alla nuova salita il panorama è eccezionale, si vede a sud Montalcino e più lontano L'Amiata.Nuova discesa, in fondo troviamo la strada asfaltata che viene da Torrenieri,a sinistra e dopo un km siamo ai piedi di San Giovanni d'Asso, saliamo la breve ma ripida salita e siamo al castello,c'è un giardino con tavoli al fresco, approfittiamo per sosta pranzo.
Dopo visita al castello molto grande e bello, vicino c'è una molto antica e bella
dedicata a San Pietro.
attraversiamo il paese andando dove il cartello stradale indica: Monte Uliveto Maggiore km 8. Camminiamo ora in alto con ai lati il grande mondo delle crete, scatto foto di continuo a cipressi, a casolari sperduti a piagge arate, un mare di zolle scure di argilla. Vediamo in lontananza il borgo di Chiusure lo riconosco per esserci stato alcuni anni fà. E lo raggiungiamo dopo tanto camminare. Che meraviglia, per noi Chiusure è il borgo più bello del senese.Scendiamo verso Monte Uliveto ammirando e fotografando i bei calanchi. La basilica è chiusa, apertura alle ore 17, niente da fare alle 17 c'è il treno, Non ho mai trovato una chiesa che fa gli orari comodi per gli escursionisti,il pomeriggio i frati se la prendono comoda,altro indicatore: Buonconvento km9. Cominciamo una discesa con tratti in pari e alle 16 ,55 eccoci puntuali all'appuntamento con una veloce littorina che ci porta a Siena. Breve sosta e un treno nuovo con l'aria condizionata ci riporta indietro. Che dire? vista l'esperienza prenderò più spesso il treno.

1 commento:

patrizio ha detto...

Favolosa la zona delle Crete senesi. Veramente, un posto idilliaco....