martedì 24 luglio 2012

BRUCIA LA PIANURA

A campare tanto ci si ritrova a sentire e vedere questo: bruciano i campi a Isola, in pericolo diverse abitazioni, al lavoro diverse squadre di vigili, volontari da tutta la zona.
Nella piana dell'Arno dove cinquanta anni fà era un giardino, ora non vediamo altro che erbacce essiccate, dalla eccezionale siccità. Cosa è avvenuto: il -progresso- chi può lavora il terreno, altri lo lasciano incolto, le abitazioni: dove era un contadino fra casa, cascina e stalla sono 400 mq , ebbene  sei appartamenti dove sono venuti ad abitare gente di città. Il pratino e il giardinetto, pochi metri quadri a quartiere e tuttintorno l'abbandono.
Prima preoccupazione del contadino era - pulire intorno casa- o provati ora ad andare un sabato mattina a tagliare l'erba prima delle 10 sottocasa  ad un cittadino di campagna, escirebbero inviperiti: Noi siamo tornati in campagna per stare tranquilli!  Ogni ambiente ha bisogno di manutenzione tanto più la campagna.
Ora vedi giardinetti curati e a 10 metri l'abbandono. In campagna ci doveva stare il contadino,non il professore, il medico, il commercialista ecc, quelli sono nel posto sbagliato a rompere i - corbelli- a quei pochi contadini rimasti.

2 commenti:

Sara ha detto...

E come quelli che vanno in vacanza nell'agriturismo e poi gli da fastidio il canto del gallo: state a casa vostra!

Il poeta sulle 23 ha detto...

Sii modesto! Non guardare dall' alto in basso, chi rovina tutto.