lunedì 23 luglio 2012

RICORDI DI UN ATLETA DISPERSO.

In questa foto degli anni ottanta ecco schierati nello stadio comunale di Firenze gli - atleti- podisti di San Miniato basso: Frates e Casa Culturale- io sono l'ultimo a destra in alto. Prima della partenza della maratonina del natale, il giorno dopo Santo Stefano,Tutti baldanzosi e sicuri di ben figurare.
Si parte dallo stadio e via: una mattinata fredda ma sereno era il cielo,Parto come sempre con prudenza, in pianura proprio non andavo, attendevo la salita, che era diciamo il mio forte. Ma la grande pappata di crostini e molto altro che mia madre aveva cucinato il giorno prima Natale, cominciò a farsi sentire, In salita non andavo, arrivato in Fiesole cominciò un grande borbottio nella pancia, uscii a malapena dalla strada trovando un foro nella recinzione e li in un oliveta passai del tempo. quando rientrai in corsa non vidi nessuno, dopo poco raggiunsi un uomo che camminava con una gamba interita, era uno degli ultimi.
Entrai nello stadio comunale e credo fui l'ultimo a fare il giro di pista.

2 commenti:

Il poeta sulle 23 ha detto...

Per forza, ti eri pappato troppi crostini ai fegatini.....

Ernest ha detto...

e i crostini