martedì 15 marzo 2011

CHE VADANO A ZAPPARE!

Ogni tanto sento dire o vedo scrivere: ma vada o vadano a zappare. Modo di dire a persone poco capaci che essendo incapaci di fare il proprio mestiere le rimane solo la zappa. Come se a zappare fossero buoni tutti. Ma credetemi, io, da buon zappatore sò quanto difficile è stata la vita del contadino quando zappava: scavare delle zolle dal terreno e far nascere ortaggi, piante, frumento ecc. Si potrebbe continuare per molto: conoscere il tempo, combattere col gelo, gli insetti i tanti mali che colpiscono i prodotti. Con colpi di zappa sono nate nelle colline toscane le colmate,i terrazzamenti delle 5 terre, patrimonio dell'unesco, i terrazzamenti della Liguria ecc.... non è lo zappare mestiere facile, ma il magro guadagno dato a chi ha zappato che fà dire cose offensive a chi ha nel tempo modellato la nostra terra.

2 commenti:

Il poeta sulle 23 ha detto...

Grande Maresco, parole sante, le tua.....
Anch'io che sono figlio di un incisore del globo, pur non avendo mai zappato, capisco bene, quello che dici.
Grazie, anche per il tuo commento

Krilù ha detto...

Chi, utilizzando con intento dispregiativo simili frasi, intende sminuire e denigrare le capacità e l'intelligenza di chi lavora la terra, forse dimentica che è proprio nella cultura contadina che stanno le radici culturali dei popoli. E delle nostre radici dovremmo essere tutti orgogliosi.