martedì 3 aprile 2012

OLIVO, AMORE MIO

Chi come me ha vissuto in campagna, è chiaro vuole bene alle piante, ma come avrà capito chi mi segue da tempo è l'olivo la pianta mia preferita. L'olivo senza l'uomo vive male, ha bisogno delle sue cure. Se lo abbandoni anche per breve tempo diventa sterile, spoglio, si sfoltisce delle chiome dal basso e produce frutti piccoli tutto nocciolo e poco olio. L'olivo lo curi e in poco tempo ritorna bellissimo. Ecco perchè si trova molti oliveti abbandonati, perchè col vivere moderno non c'è tempo per assistere come si deve le coltivazioni. Troppi costi in termini di lavoro,e si abbandona. Nessuno fà il conto in termini di salute,in termini di paesaggio.
E dovendo fare un servizio tv dove ci sono olivi belli, devo andare là, su quella collina fra Pontedera e Palaia dove ancora ci sono coltivatori anziani che resistono e tengono gli oliveti come giardini e credetemi in quei quattro km di crinale di collina ci si accorge quanto si perde,in termini di ambiente ad abbandonare gli olivi.


4 commenti:

Costantino ha detto...

Peccato che qui dove abito gli olivi non resistano all'Inverno...

Primo Ultimo ha detto...

L'olivo è senza dubbio il mio albero preferito. Soprattutto quelli anziani con il tronco attorcigliato su se stesso, in accordanza con il movimento della terra.

Alberto ha detto...

E' un vero piacere vedere degli ulivi così ben tenuti e ben potati. Anch'io ho degli ulivi in Liguria, varietà taggiasca, ma da noi il terreno è più scosceso. Ciao.

Krilù ha detto...

Trovo che l'ulivo sia un albero bellissimo, oltre che utilissimo.