sabato 1 settembre 2012

IL MAIALE DI TONINO,

Non c'era tv, ci si doveva arrangiare per divertirsi a volte con battute a volte con scherzi, a volte pesanti:
Sulla collina in prossimità di San Miniato abitava tonino un omino che credeva di sapere tutto, un gruppetto di amici architettarono uno scherzo:  Uno di loro con un bel fiasco di vino rosso passando da dietro la capanna raggiunse lo stanzino del maiale e versò nel trogogo il fiasco del vino. Il maiale se lo bevve in un attimo. Dopo una mezzoretta circa la moglie di Tonino passando vicino allo stallino sente dei grugniti strani: ho che ha il maiale? pensò, aprì lo stallino e il maiale fuggi grugnando e traballando. La donna sapendo di avere una bestia docile tentò di rimetterlo dentro, il maiale si inferocì grugnando da far paura: allora spaventata a gran voce si mise a gridare : toninoooo, e impazzito il maiale...... Tonino corse a perdifiato dalla valletta dove lavorava e visto il maiale in quelle condizioni  prese la bicicletta e via dal veterinario che abitava in paese: Suona alla porta e lui: venga via mi è impazzito il maiale. All'arrivo del veterinario il maiale si era un poco calmato e il dottore capì subito: ando al trologo passo un dito e fiutò: hai dato del vino al maiale?
Tonino per sere non andò a veglia in San Miniato, ma si ripropose di sapere chi gli aveva fatto uno scherzo  simile per farglela pagare. Quando lo seppe dovette stare zitto: un omone di un metro e novanta dal pugno micidiale lo temevano tutti.

1 commento:

Il poeta sulle 23 ha detto...

Capperi Maresco, il maiale ubriaco, è come la vacca troia....