venerdì 15 giugno 2012

ILvuoto

Sì proprio sono a terra politicamente, non vedo intorno a me che rassegnazione, arrangiamento, eppure ne ho vissuti di momenti difficili in 70 e più anni, ma si lottava personalmente e politicamente, sempre non la indovinavamo, ma ci si provava.
Una brava artigiana della pelle, ma proprio una che cesella il lavoro da come lo esegue bene  cerca disperatamente di trovare qualcosa da fare pur di scampare la vita. O GENTE! siamo nel polo della pelle e delle calzature, fra pochi anni non c'è più uno che sa fare una scarpa, eppure le meglio firme della calzatura sono in zona. Solo firme! il lavoro lo fanno fare ai cinesi, all'estero,  ma ci fosse uno che spende una parola, eppure empivamo le piazze in Toscana, ora ma ci sono ancora i partiti? boo, io ne avevo uno, da quando avevo 14 anni, anche se ha cambiato nome diverse volte, non sono andato a prendere la tessera e nessuno se ne è accorto.
E gli amministratori locali che risposte danno alla gente? promuovendo mercatini,sagre, mostre di prodotti vari, e finchè ci saranno soldi in tasca a qualcuno lo faranno, poi?
Cene per finanziare tutto, dove vanno sempre meno gente.
E quanti picchetti al gelo, centinaia di manifestazioni,  ruinioni interminabili,   sempre non si indovinava ma si lottava...... Conosci qualcuno tu, c'è mio figlio che non trova lavoro..... rassegnazione profonda!
Ma perbacco! una spallata alle cene, ai rassegnati dirigenti di tutto che non sanno o non vogliono far  niente! 
Le primarie, i convegni,i congressi, tutto roba vecchia che mi è passata davanti in 70 e più anni.
Il nuovo va inventato con gente nuova e io forse non avrò più tempo per vederlo.

2 commenti:

Costantino ha detto...

Come hai ragione!

Il poeta sulle 23 ha detto...

Maddai, che ci penserà Renzi, a far le scarpe....