mercoledì 17 agosto 2011

L'ASINO E IL SEGGIO


Molti anni fà andai a fare il rappresentante di lista,- pci- ad un seggio nella campagna samminiatese.Prima di iniziare il presidente mi disse: Siamo tutti gli stessi a questo seggio quindi un fare tante osservazioni, poi non ti conviene: votano quasi tutti il partito comunista. E tutto precedette bene. Alle due del pomeriggio c'era la chiusura del seggio, guardo l'orologio e dico:e ora di chiudere presidente!no mi disse questo seggio si chiude quando raglia l'asino, non si fece attendere alle due precise ragliò, il presidente assumendo uyn'aria ufficiale: dichiaro chiuso il seggio!!

3 commenti:

Adriano Maini ha detto...

Aneddoto insuperabile! Ma te ne sono capitate veramente tante, di cose!

maresco martini ha detto...

Avendo abitato in 4 comuni diversi e solo a san Miniato in 4 case diverse prima di comperare la casa e fermarmi, poi l'attività politica e sindacale a livello di attivista, ma mio fratello ha speso tutta la vita fra attività politico sindacale e abitandoci assieme ho dato sempre una mano.E' DAL I946 che stò con la gente, e in campagna quando arrivi ad una casa la gente vuol sapere e raccontare.
Sono stato molto fortunato a vivere in quel mondo, si fanno esperienze che restano.

Il poeta sulle 23 ha detto...

Pensa tu, io ho fatto il segretario del seggio, proprio alla scuola elementare di Castelnuovo, negli anni Ottanta, proprio dietro via Fontebucchi, dove sei nato tu. Ricordo, che erano le elezioni e si svolsero nel mese di maggio. Ptresidente del seggio era l' amico Nello Parrini, che fore tu conosci. Mi ricordo, che con gli altri scrutatori, si portò al seggio, formaggio pecorino e baccelli e si pranzò con quelle primizie, proprio sui banchi del seggio. Per fortuna durante il pranzo, si presentarono pochi votanti. Quasi una scena da film Amici Miei. Anche i carabinieri, che presidiavano il seggio, chiusero, come si suol dire un occhio.